“Quando un bambino legge” di Pino Imperatore e Alessandro Di Sorbo

Quanto pesano i libri?
1 marzo 2018
Le Streghe di Benevento, Italia-USA andata e ritorno.
21 marzo 2018

“Quando un bambino legge” è l’esordio di Pino Imperatore nel mondo della letteratura per l’infanzia. Un albo illustrato che firma con Alessandro Di Sorbo. Il maestro dello humor partenopeo incontra il giovane illustratore milanese di origini campane. La nostra novità editoriale è un big bang di fantasia e poesia. Leggere è, probabilmente, la più grande scoperta che un bambino fa. Questo, Pino e Alessandro lo sanno, e svelano con la poesia delle parole e dei colori, come si trasforma il mondo di un bambino che legge. I libri sono porte spalancate sul futuro, aquiloni, barche per raggiungere nuovi orizzonti e sottomarini per sfuggire ai pirati, l’architettura e il paesaggio di questo affascinante viaggio. Un libro magico: quando finirai di leggerlo avrà una pagina in più, la tua.

Lo presentiamo alla Bologna Children’s Book Fair, stand B/97, hall 25, in anteprima assoluta.

Nelle librerie arriva l’8 Maggio!

 

2 Comments

  1. Ordercustomessay ha detto:

    Gentile Redazione Le mando questa mia semplice poesia veda se ritiene utile pubblicarla grazie. Poesia Un bambino emigrato Tu bambino, che sei La luce della vita, sei scappato da un paese in guerra, sradicato dagli affetti dai parenti, amici e della tua amata terra. Tu bambino, che sei la speranza della vita, ti sei trovato in cammino nel deserto, toccavi la sabbia, guardavi il cielo invocavi acqua, avevi tanta sete e ti sentivi disperso. Tu bambino, che sei il fiore della vita, sei salito su un gommone, hai attraversato il mare, guardavi il sole, le onde burrascose e avevi paura, non vedevi l’ora di toccare terra e arrivare. Tu bambino, che sei la gioia della vita, finalmente su un’isola a te sconosciuta sei arrivato, una gentile, dolce e umana accoglienza di tanti bravi volontari hai trovato. Tu bambino, che sei l’amore della vita, in quella drammatica avventura ti sei trovato, colpa di una società egoista e malata, la mancanza di un’equa distribuzione dei beni disuguaglianze hanno creato. Tu bambino, che sei la dolcezza della vita, la tua avventura ci a commossi, speriamo in più umanità, scuota le coscienze, apra le menti, l’amore trionfi per tutti i bambini sulla terra, ci sia la pace e più solidarietà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *