25 aprile, i 10 libri per ragazzi che raccontano la Liberazione ai più piccoli.

La pedagogia di Bruno Munari.
19 aprile 2018

Spesso si discute sulla necessità di continuare a tenere viva la memoria, soprattutto nei più giovani. Proprio perchè lontani dall’epoca della guerra e della Resistenza, i ragazzi hanno bisogno di conoscere non solo gli avvenimenti storici, ma anche le vite vissute. Anche e soprattutto i più piccoli hanno bisogno di conoscere in prima persona, per quanto possibile, la vita e le vicende dei partigiani. Ecco allora qualche suggerimento di lettura per i giovani booklover:

Anselmo Roveda, Una partigiana di nome Tina. La storia di una donna e del suo coraggio, che racconta con semplicità e passione le vicende dolorose e eroiche di Tina Anselmi.

 Roberto Denti, La mia Resistenza. Le storie personali si intrecciano con la grande Storia, creando un volume ricco e affascinante.

 Guido Quarzo, Ritorno al mittente. Il libro racconta del piccolo Mariolino e di sua madre, che contribuisce alla lotta partigiana falsificando lasciapassare per i fuggitivi. La sua vicenda incrocia quella di Domenico, che per un pelo scamperà all’esecuzione.

Fabrizio Sileo, Bernardo e l’angelo nero. Un paracadutista americano di colore precipita nelle campagne e incontra Bernardo, ragazzo deboluccio deriso dagli altri balilla per non incarnare il classico ideale della virilità fascista. Per Bernardo è l’occasione per una clamcorosa rivalsa.

 Italo Calvino, Il sentiero dei nidi di ragno. Primo romanzo di Calvino, racconta della Resistenza vista attraverso gli occhi di un bambino.

 Alberto Cavaglion, La Resistenza spiegata a mia figlia. Nel libro, Cavaglion cerca di dare alle giovani generazioni e a sua figlia le risposte che sorgono spontanee conoscendo il periodo dell’occupazione e del dopoguerra.

 Fabrizio Roccheggiani, La bicicletta di mio padre. Un diario di ricordi sull’occupazione autobiografico e commuovente, che racconta la vita nella Roma del 1943.

 Teresa Buongiorno, La banda della Rosa. La Resistenza e il dopoguerra raccontato dal punto di vista delle donne, che si trovano a essere protanoniste nel mondo che sta cambiando.

 Tina Anselmi, Zia, cos’è la Resistenza?. In questa intervista, rispondendo alle domande di un’immaginaria nipotina, Tina Anselmi spiega cos’è stata la Resistenza, le idee, l’organizzazione, le donne e gli uomini, le vicende personali e collettive.

Libertà. La poesia di Paul  Éluard che si fa materia in un pop-up d’artista di Anouck Boisrobert e Louis Rigaud, dove le sagome si spiegano e si moltiplicano tra le pieghe della carta fino a farsi vita che ricomincia; è la lirica Libertà appunto, nella traduzione di Franco Fortini, edita da Gallucci nel 2013.

Segui la freccia! di Isabel Minhós Martins e Andrés Sandoval, pubblicato da Terre di Mezzo a inizio aprile, storia di un ragazzino che vive in una città piena di frecce che indicano la direzione dei piedi, degli sguardi e dei pensieri degli abitanti. Osando contravvenire alle regole e chiedendosi cosa ci sia nello spazio tra freccia e freccia, scopre nuovi particolari e punti di vista diversi. Facendo in tempo, prima che l’ordine venga ristabilito, a contagiare altri con la sua curiosità. Anche questo è Resistenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *